Mind area in continua evoluzione: le reazioni dopo l’evento Progetto Mind

area Mind post Expo

Nell’area di Mind si è tenuto un evento molto importante per il futuro imprenditoriale e business della Regione, ovvero”Progetto Mind, sinergie per l’innovazione in Lombardia“. L’area in questione è un cantiere in continua evoluzione che sa rispondere perfettamente alle esigenze del territorio. Qui si sono riuniti molti rappresentanti del business e della politica istituzionale, tra cui il presidente della Regione Attilio Fontana, i ministri Giorgetti (Sviluppo Economico), Messa (Università), gli assessori regionali Guidesi (Sviluppo Economico) e Sala (Università e Ricerca), la vicepresidente della Regione e assessore al Welfare Letizia Moratti, nonché l’ad di Arexpo Igor De Biasio.

Mind riceverà risorse da Pnrr e Regione Lombardia

Per il governatore Fontana Mind, acronimo che sta per Milano Innovation District, “raccoglie i contributi dei protagonisti del futuro di questa Regione, da Human Technopole ai centri di ricerca lombarda, dal Galeazzi all’Università di Milano, tutti uniti con un solo obiettivo: creare un luogo a forte vocazione innovativa, frutto di un intervento straordinario di rigenerazione urbana, aperto a tutti, che promuova il valore della ricerca e della sostenibilità”. L’area Mind è un cantiere in continua evoluzione che servirà anche per il futuro e che proprio per questo motivo riceverà degli investimenti derivanti sia dal Pnrr sia dai fondi regionali.

Mind sarà uno spazio importante anche per le università milanesi. Inoltre, come ha spiegato l’assessore Bolognini, “nel 2025 a Mind saranno presenti 20 mila studenti dell’università Statale e inizieranno il loro anno accademico per la prima volta in questi spazi. Un’area sulla quale confluiranno investimenti pubblici e privati che la renderanno vivibile e funzionale per una popolazione stimata di 70 mila persone”.

Exit mobile version