Pasqua amara per il turismo a Milano: città in crisi

Continua il periodo nero per il turismo e anche la Pasqua rischia di essere parecchio amara per il capoluogo lombardo.

pasqua in zona rossa

Sarà una Pasqua amara per il turismo a Milano: dalla pandemia alla guerra in Ucraina, dai lockdown e le misure restrittive all’emorragia di turisti russi, passando per la esiguità di quelli americani che preferiscono mete più occidentali che orientali, come Spagna e Portogallo. L’atteso rilancio del settore ristorazione e di quello ricettivo-alberghiero non è arrivato. E la Pasqua prossima ventura non promette niente di buono.

Grande attesa per il Salone del Mobile di giugno

Stando ai dati elaborati da Confcommercio, per le vacanze pasquali a Milano ci sarebbero solamente un 20% di camere già prenotate, ovvero un -55% rispetto a marzo 2019. Come riporta Italiaatavola.net, presso l’Hotel Bristol c’è stato un 80% di prenotazioni in meno rispetto a marzo 2019, con un attuale 14,7% di tasso di occupazione. Oltre alla guerra in Ucraina, a preoccupare è anche la ripresa dei casi Covid, che getta l’intero settore nell’incertezza. Nemmeno i grandi eventi hanno portato chissà che, come il MICAM: ora si attende il BIT, ma soprattutto il Salone del Mobile di giugno.

Exit mobile version